motori di ricerca,inserimento nei motori di ricerca,inserimento motori,inserimento motori di ricerca,posizionamento motori di ricerca,posizionamento motori,posizionamento nei motori di ricerca,inserimento nelle directory,inserimento sui motori di ricerca,indicizzazione motori di ricerca,indicizzazione nei motori di ricerca,ottimizzazione siti web sui motori di ricerca,web marketing,promozione sui motori di ricerca, posizionamento sui motori di ricerca,iscrizione sui motori di ricerca, iscrizione sui motori di ricerca,registrazione sui motori di ricerca,in testa ai motori ricerca,posizionamento sui motori di ricerca, servizi di web marketing,email marketing,posizionamento siti web, promozione web,promozione in internet, promozione siti internet,marketing
Chi siamo
Contatti
Il servizio
Preventivi
Il report
Assistenza tecnica
Le vs. domande
Contratti
Condizioni di vendita
Diritto di recesso
Reclami
I nostri clienti

Segnala il sito

Disclaimer
Privacy
area dealer:
Lavora con Noi

Essere primi nei motori di ricerca, posizionamento nei motori di ricerca
posizionamento motori,inserimento motori PRIMI NEI MOTORI
REGISTRAZIONE e POSIZIONAMENTO nei motori di ricerca dal 1997

L'algoritmo Google Penguin 2.0

Dal 2012 Google ha lavorato per aggiornare l'algoritmo denominato Penguin 1.0 , passando nel 2013 al Penguin 2.0 e ciò perchè intende penalizzare quei siti che sperano nel buon posizionamento in base ai cosiddetti ' link building ' e cioè centinaia o migliaia di link, che puntano al sito da promuovere, poichè si sa che tanti piu' link in ingresso si ricevono e tanto piu' famosi si è secondo Google. Dipende poi se i link sono veri o falsi.
L'algoritmo Penguin 2.0 si propone appunto di ' stanare' questi link in ingresso al sito e che derivano da siti mediocri e poveri o nulli di contenuti, quando non creati al solo scopo di accettare link in uscita a pagamento. In questi siti i testi di ancoraggio sono normalmente ed esattamente le precise chiave del cliente, ripetute piu' e piu' volte anche all'interno della stessa pagina. Questi siti inoltre non contengono testo conforme all' argomento delle parole chiave o del sito a cui puntano. Tutta questa 'fantascienza ' di Penguin è stata possibile semplicemente analizzando non solo l'home page, ma anche le pagine interne di questi siti di provenienza come invece Google faceva prima. Semplice no? Allora è facile capire perchè Google lo fa e spende tempo e denaro: finchè Google non si pagava, tutto poteva andare bene; ma ora che guadagna milioni, i suoi Clienti pretendono almeno di non essere buggerati dai propri SEO e da siti falsi da cui vengono superati. Anche il ritmo con cui crescono i link esterni che puntano al sito da indicizzare ha la sua importanza e Penguin ne tiene conto: troppi link in poco tempo sono indice che son stati pagati e non conquistati grazie all'attinenza del nostro sito al sito che ci manda un link. Per facilitarsi il compito, Google ha un modulo di richiesta, presente in ' Google Webmaster Tool' nel quale si chiede di ri-scansionare il vostro sito, dopo aver ottenuto la rimozione dei link al vostro sito da parte di siti indesiderati.
Che sia la volta buona che l'onestà venga premiata a scapito di SEO, webmaster e simili spregiudicati pur di far soldi?

 

 

Hai bisogno di assistenza?

Skype Me™!

 

 

Primineimotori di Martini sas v. Piemonte,6 Thiene (VI). P.iva e C.F. 01279330243
Tutto il materiale in questo sito è copyright. E' vietata la riproduzione anche parziale.Ogni abuso sarà perseguito a termini di legge.

Graphic Design by: Ady & Princess.  Powered by www.viavai.com                     All rights reserved © webmaster@viavai.com               | Privacy